La strage alla stazione di Bologna

Pubblicato il da Angelo

Il 2 agosto 1980 un triste avvenimento colmò la città di dolore. L'attentato alla stazione di Bologna, per mano di esponenti dell’estrema desta, causò la morte di ottantacinque persone e il ferimento di altre 200. L'attentato s’inseriva perfettamente in quella logica perversa della strategia della tensione.

La strage

Alle 10.25 del 2 agosto 1980, l'esplosione di un ordigno a tempo di 23 kg, posto all'interno della stazione, causò la morte di ottantacinque persone e il ferimento di altre 200. Molti cittadini prestarono i primi soccorsi, le ambulanze furono pronte per trasportare i feriti all'ospedale, ma a causa delle molte persone bisognose di aiuto si utilizzarono addirittura degli autobus per il trasporto dei feriti, in particolare quello della linea trentasette, che rimane uno dei simboli della strage. Molti medici tornarono dalle ferie estive per prestare soccorso e furono riaperti molti reparti dell'ospedale per tale scopo. I bolognesi regirono con orgoglio, nei giorni successivi vi furono delle manifestazioni di protesta in tutta la città, accompagnate da accese critiche nei confronti del governo allora in carica.

I colpevoli

Dopo lunghi anni e processi, depistaggi e disinformazion, furono condannati, quali esecutori dell’attentato, i neofascisti Giuseppe Fioravanti e Francesca Mambro. Questa strage si aggiunge alle altre, contribuendo a creare quel disegno politico che prende il nome di “strategia della tensione” volto a destabilizzare la democrazia italiana. Di quella strage, oltre al ricordo e al dolore, rimane solo l’orologio fermo alle 10.25.

1 Orologio della stazione di Bologna fermo alle 10:25 ora della stragebologna, 2 agosto 1980bologna, 2 agosto 1980
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post